no-cover

I DECO’

Like
564
3
Wednesday, 03 November 2010
Recensioni

Benvenuti amici TwitMixers,

oggi abbiamo l’onore di presentarvi il gruppo rivelazione dell’anno: i Decò.

Vogliamo condividere con voi il loro album di debutto: La stanza dei colori (2010 EMMEVI MUSIC S.r.l.).

I DECO’

Marco e Matteo Visonà sono due fratelli gemelli del vicentino, legati da un amore profondo per la musica.

Hanno lavorato a lungo per la loro formazione artistica e hanno accompagnato alla batteria e alla chitarra per sei anni artisti italiani ed internazionali, facendosi strada, come autori e compositori, in collaborazione con alcune labels.

Nel 2005 nasce la loro etichetta discografica: EMMEVI MUSIC S.r.l. e danno vita al loro progetto discografico: i DECO’ col produttore artistico Stefano Florio (B.Cobham, L.Dalla, Frankie Hi Nrg).

La scelta del nome è stata influenzata dalla novecentesca e parigina Art déco, perché per Marco e Matteo, come da loro affermato, la musica è una forma d’arte decorativa della vita.

Un po’ di discografia

Nel 2009 vide la luce il primo brano Fantastica, seguito, poi, nel 2010, dal singolo Sospesi nel vento, estratto dall’album La stanza dei colori. Durante l’estate 2010 è uscito il singolo C’è un tempo e, proprio in questi giorni, dal giorno 08 ottobre 2010, in occasione dell’autunno, Il mondo da qui.

La stanza dei colori

La stanza dei colori è un album che si colloca nel più puro Pop italiano, velato, però, da ritmi che abbracciano anche il Rock.

La porta della stanza dei fratelli Visonà non è chiusa, come è dato da intendere dalla cover del CD, ma è aperta, dando libero accesso all’ascoltatore, che si accomoda in un ambiente dove non c’è frastuono e in cui si sente spinto ad ascoltare in silenzio lo spettacolo variopinto della dea musica.

Sono molte le canzoni di spicco contenute nell’album, vi si alternano delle ballate romantiche e dal gusto raffinato con canzoni grintose ed avvincenti.

Fin dalla prima canzone, Fantastica, si apprezza un pop/rock gioioso ed accattivante, che sembra illuminare le pareti della stanza con luci intense e colorate; singolare l’evoluzione melodica di Sospesi nel vento, pezzo pop davvero orecchiabile e che fa viaggiare la mente.

Aspetto il Sole è una canzone indubbiamente solare, avvolgente e scoppiettante. La ballata, capolavoro dell’album è Il mondo da qui, dai toni malinconici, dall’atmosfera sognante, dal testo poetico e romantico, che ha tutti i connotati per diventare la canzone più trasmessa dalle radio.

Un omaggio, in chiave Pop, a De Gregori con Sempre e per sempre regala un ulteriore momento di poesia.

Le sonorità che ricorrono nella rosa delle dieci canzoni de La stanza dei colori, pur mantenendo la loro sofisticata originalità, evocano quelle italiane di gruppi come i Subsonica e i Velvet, di cantanti come Cesare Cremonini, Daniele Groff, Edoardo Bennato; inoltre la batteria e le chitarre riescono, a volte, a trasportare nella dimensione internazionale dei Cranberries e degli Skunk Anansie.

La stanza dei colori è un album ipnotico, che si ascolta con piacere e che può creare dipendenza: la sua fresca solarità è avvolgente. I testi sono semplici, diretti, a volte poetici e sono dettati da situazioni comunemente reali, che avvicinano maggiormente i Decò al loro pubblico.

La stanza dei colori è un album di debutto che consegna nelle mani dei gemelli Visonà le chiavi del successo.


L’avventura musicale con Marco e Matteo Visonà non finisce qui perché riserveranno una bella sorpresa per voi, TwitMixers!

STAY TWEETTUNED

© 2010, Antonella Corsetti. All rights reserved.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


Menu Title