no-cover

Bianca, grande voce soul, rivelazione di Sanremo Giovani. Intervista esclusiva del TwitMix Project.

Like
319
0
Saturday, 15 February 2014
In Evidenza

20140215-225627.jpg

Ciao Emma, tra pochi giorni salirai sul palco di Sanremo. Ti va di raccontarci tutta l’emozione dei tuoi giorni di prova sanremese?

È un’esperienza bellissima vedere tutta l’orchestra schierata, un’emozione travolgente. La scenografia è bellissima e in Tv renderà benissimo. Si respira una bellissima atmosfera anche fuori dall’Ariston.

Complimenti per la tua canzone “Saprai” è davvero bella, intensa ed orecchiabile. Come è nata?

Nasce da un episodio che ho riportato in un una email inviata al mio autore, che ha scritto il pezzo. ormai è famoso il “bagno rosso pallido” della canzone. Ero alla festa di 80 anni di mia nonna, a un certo punto sono stata colta da angoscia e tristezza e mi sono rinchiusa nel bagno rosso dell’albergo in cui si stava festeggiando, da questo evento ha tratto origine la canzone.

Da cosa è nato, invece, il tuo nome d’arte, Bianca?

C’era una parte “nera” della mia vita che stava diventando controproducente, così ho deciso di far uscire la mia parte “Bianca” e così è nato il mio nome d’arte, ho voglia di positività.

Il tuo album, “L’altra metà”, uscirà il 19 febbraio, cosa dobbiamo aspettarci?

Sarà l’altra metà di me, che, purtroppo, per un “difetto di fabbrica” non esce fuori se non con la musica. Sono molto contenta perché in studio sono riuscita a giocare molto con la voce e con vari stili. L’album spazia molto nei vari generi musicali. Sentivo la necessità di far sentire il mio spirito Soul. Sono cresciuta come cantante jazz, poi ho scoperto la mia vera identità artistica soul.

Come è nata la voglia di andare a Sanremo?

Ho firmato un contratto a giugno, non mi ritenevo pronta per un talent, il mio produttore, così, mi ha esortato ad andare ad Area Sanremo; era un esperimento, è andato bene subito e per fortuna sono stata selezionata… Ed eccoci qua.

Sarai una delle rivelazioni di Sanremo. Cosa vorresti trasmettere al tuo pubblico?

Spero che chi fa fatica a comunicare possa riconoscersi e possa continuare a sperare proprio come me. Bisogna riuscire a trovare una via per esprimersi.

Quali sono i cantanti che possiamo trovare sul tuo lettore di musica?

Il mio artista preferito è Antony Hegarty, la voce di Antony And The Johnsons. Dopo aver conosciuto lui, è cambiato il mio modo di ascoltare musica. La sua partecipazione a Sanremo l’anno scorso ha segnato la mia sensibilità. Quando ascolto lui, non ci sono per nessuno e sospendo tutte le mie attività. Come voci femminili amo molto quelle di Joss Stone e di Norah Jones e poi la mia guida italiana è Mina.

Ti piacerebbe duettare, in futuro, con qualche artista in particolare?

Con gli artisti che ti ho citato. Se dovessi duettare con Anthony non riuscirei a cantare!

Del tuo upcoming album qual è quella canzone che ti emoziona di più cantare?

Mi sono molto affezionata al secondo pezzo: “Tracce di niente” è molto accattivante e permette di far venire fuori tutte le mie sfumature.

Qual è la prima canzone che hai imparato a cantare?

“My Romance”, di Emma Fitzgerald, fu la prima canzone che studiai, a 14 anni, nella scuola di jazz che frequentavo; fu amore a prima vista, la cantai, ricordo, anche a un saggio fui colpita da tanta precisione e da tanta perfezione.

Hai già familiarizzato con gli altri artisti che parteciperanno a Sanremo giovani?

C’era Arisa a fare le prove, e per l’emozione non volevo più salire sul palco. Coi giovani abbiamo avuto modo di stare insieme a Roma per fare delle foto, ma i ritmi erano serrati e tutti eravamo concentrati, quindi non ho avuto ancora modo di socializzare con loro. Ho fatto solo due chiacchiere con Veronica De Simone, l’altra donna i Sanremo Giovani e poi naturalmente anche con Vadim, noi veniamo da Area Sanremo.

Grazie della tua disponibilità, Emma, alla prossima intervista dopo Sanremo, così racconterai ai nostri lettori la tua avventura musicale sanremese. In bocca al lupo!

Grazie a voi! Crepi! A presto!

#STAYTWEETTUNED

© 2014, Antonella Corsetti. All rights reserved.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


Menu Title