no-cover

Sanremo 2014: prima serata tra delusione, protesta e leggenda

Like
344
0
Wednesday, 19 February 2014
News

20140219-122335.jpg

La prima serata del Festival di Sanremo, seguita da 10 milioni 938 mila telespettatori, con il 45,93 per cento di share, è iniziata all’insegna della protesta.
Già prima dell’inizio dello spettacolo, sul Red Carpet del teatro Ariston, Beppe Grillo, ha denunciato il degrado che sta vivendo l’Italia.
Qualche minuto dopo l’inizio del Festival, durante il monologo di Fazio sulla bellezza, due uomini disperati hanno catturato l’attenzione, minacciando di lanciarsi dalla balconata se Fazio non avesse reso pubblica la loro lettera di denuncia. Il tutto sembrerebbe accaduto secondo la migliore lezione di Baudo. Verità o finzione? È questo il dibattito sorto sui social: alcuni utenti hanno addirittura accusato il presentatore di scarsa credibilità.
Se l’intervento fosse stato davvero costruito sarebbe stato una scelta infelice, in quanto l’Italia, purtroppo, ogni giorno registra numerosi casi di suicidio. Appellarsi a un dramma sociale così drammatico solo per fare audience sarebbe davvero una scelta di cattivo gusto.
Confidiamo nel buon senso e nella professionalità di Fazio.
Luciana Littizzetto, irriverente e briosa più del solito, è stata, nell’ambito della conduzione, la vera anima della serata, in quanto ha dato alla trasmissione quel movimento che, altrimenti, senza la sua presenza, sarebbe mancato.
La puntata iniziale non è stata perfetta, è partita col piede sbagliato, mancava anche quella risaputa intesa tra i due presentatori, che, inoltre, non erano sufficientemente sincronizzati coi tempi dedicati alle pause pubblicitarie.

20140219-121829.jpg

Momenti intensi e di ilarità sono stati regalati dagli ospiti esterni: Ligabue, accompagnato da Mauro Pagani, per omaggiare De André, ha interpretato Creuza de ma, canzone che, quest’anno compie 30 anni; Raffaella Carrà, invece, col suo outfit Rock, ha fatto rivivere al pubblico i successi della sua carriera musicale, tra cui Fatalità; Yusuf Cat Stevens, leggenda musicale di tutti i tempi, è stata la vera perla della serata, quando ha intonato Father and Son ha suscitato nel pubblico una sentita commozione.

Per quanto riguarda la sfera musicale, legata alle performance dei Big in gara, si è avvertita la mancanza della tipica canzone sanremese orecchiabile e radio friendly, inoltre, non è venuta fuori una sperimentazione e una ricerca musicale innovativa.
Il panorama musicale italiano ha bisogno di cambiamento, è ancora indietro rispetto al mercato discografico internazionale. Perché, quindi, gli artisti non sfruttano più l’occasione sanremese per dare una svolta decisiva alla loro carriera artistica?
Speriamo di ascoltare qualcosa di interessante nelle prossime serate!
Siamo sicuri che alcuni artisti, specialmente provenienti dal panorama femminile sanremese, non deluderanno le aspettative e sapranno, anzi, regalare alla storia del Festival dei pezzi interessanti. I nostri occhi saranno puntati, infatti, su un tris di regine: Noemi, Bianca e Veronica De Simone.

Ed ora ricapitoliamo le canzoni selezionate dei Big della prima serata:

Arisa, Controvento
Frankie HI NRG, Pedala
Antonella Ruggiero, Da Lontano
Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots, Liberi o No
Cristiano De André, Il cielo è vuoto
Perturbazione, L’unica
Giusy Ferreri, Ti porto a cena con me

Vi lasciamo con la lettera pungente e simpaticissima che Luciana Littizzetto ha dedicata a San Remo.

Ai prossimi aggiornamenti da Sanremo 2014.

#STAYTWEETTUNED

© 2014, Antonella Corsetti. All rights reserved.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


Menu Title