no-cover

I Rio: sbarca la solarità il 14 marzo sul Live Forum di Assago. Intervista a Fabio Mora.

Like
230
0
Thursday, 13 March 2014
Concerti

20140313-130419.jpg

Ciao, Fabio, tanti auguri per i primi 10 anni de I RIO. Quali sono i due momenti che più ti hanno emozionato durante questo decennio?

10 anni, un bel traguardo. Domanda molto difficile, ma indubbiamente i primi ricordi, che, ora vengono alla mia mente, per la forte emozione che ho provato sono l’aver suonato con la band al primo Campovolo davanti a 180000 persone, esperienza, questa, indimenticabile. Il secondo grande ricordo è la nostra partecipazione al Viaggio della memoria ad Aushwitz.

I RIO hanno affiancato anche Elisa, durante i suoi concerti. Cosa ricordi del contatto con questa grande artista italiana?

Siamo molto discreti, alla fine del tour ci hanno invitati a una festa, ho visto Elisa piangere e dopo il nostro ingresso l’umore della festa è completamente cambiato. Mi fa piacere pensare di aver modificato il corso degli umori della serata.

Cosa ricordi della registrazione di “Sei quella per me”, il vostro primo singolo?

Che esperienza! Sono scappato dallo studio, era il mio primo approccio professionale, molta tensione. Devo dire che è stata una delle esperienze più intense della mia vita.

Cosa rappresenta il Messico per voi e per la vostra musica?

È alla base del nostro progetto e del suo stesso nome. Ora stiamo proseguendo la nostra ricerca e sperimentazione musicale verso la Giamaica e le Hawaii, prima, però, siamo passati attraverso il Brasile. Nei Paesi abbiamo trovato i suoni giusti per rappresentare quello che siamo ora. Alla fine dei tour facevamo anche un pezzo messicano tradizionale.

Cosa ci dici del nuovo album Fiori? Cosa rappresenta per voi, a questo punto della vostra carriera artistica?
Rappresenta la presa di consapevolezza di cosa significa raccontare storie. Prima scrivevamo di getto, ora abbiamo spostato il baricentro sulla ricerca dell’emotività all’interno della canzone. Abbiamo cercato un suono più acustico, solare e sereno, nonostante sia stato registrato in un periodo molto brutto: quando c’è stato il terremoto eravamo in sala registrazione.

Parlaci a questo punto di “terre mosse”.
Ce l’hanno richiesta. Una radio di Mirandola ha la sede in un palazzo di 7 piani e x dei mesi ha trasmesso da un container, interessandosi alle zone interessate dal sisma e il direttore ci ha avvicinato e ci ha proposto di scrivere una canzone.siamo rimasti un po’spaesati vista la
Abbiamo raccontato l’amore per l’Emilia per la nostra gente. “Terre mosse” è stata scritta come una formula d’amore in metafora.

Cosa significa per te raccontare una storia?
Raccontiamo le storie che ci riferiscono i nostri amici e tutti coloro che ci vogliono bene. Quando veniamo pervasi dai brividi dell’emozione iniziamo a scrivere

Cos’è per voi la solarità ?
È essere consapevoli del grigio. Abbiamo tanta oscurità intorno: vivendo Aushwitz e vedendo tanto male nel mondo, provando emozioni forti sulla nostra pelle, cerchiamo di non essere mai banali per riuscire a portare messaggi positivi e a far vivere serene le persone.

Quale ricordo positivo conservi dell’esperienza del treno della memoria?

Mio padre è stato prigioniero in Germania. Quando mi sono trovato a fare questo viaggio, ero emotivamente scosso già prima di partire. Mi chiedevo continuamente cosa potesse dare un gruppo solare di “baracca” in un contesto drammatico come quello. Quando siamo saliti sul palco, dopo aver visto le camere dell’orrore, è esplosa tanta di quella energia che mi ha fatto capire qual era la nostra missione in quei giorni.
Quali sono i prossimi progetti green?

Il 21 marzo uscirà una sorpresa green di cui ancora non posso dire niente. Cerchiamo sempre di fare tutto con cartonato. Vogliamo cercare di far riflettere la società visto che è impossibile cambiare improvvisamente il mondo.

Il 14 marzo sarete al Live Forum di Assago. Cosa dovranno aspettarsi i vostri fans e i nostri lettori che vorranno partecipare all’evento musicale?

Un sacco di energia, perché vogliamo portare a Milano la solarità de I Rio. Ci saranno un sacco di amici. Ripercorreremo il nostro repertorio, in occasione dei 10 anni di carriera.

Avete in programma collaborazioni con alcuni artisti?

Non abbiamo più voglia di correre dietro agli artisti. Stiamo cercando di trovare creatività attraverso i Contest, per dare popolarità a persone che non hanno la fortuna di esibirsi davanti a un pubblico così vasto. Siamo noi, ora, a voler dare una possibilità.
Stiamo attualmente organizzando la serata al “Fuori Orario” di Reggio Emilia e per l’occasione stiamo creando, attraverso il web, la band di supporto.

Grazie della tua disponibilità, Fabio, e alla prossima intervista!
Grazie a te! Buona solarità a tutti! Alla prossima!

#STAYTWEETTUNED

© 2014, Antonella Corsetti. All rights reserved.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


Menu Title