no-cover

Alice Mondia conquista l’Italia con Plaster. Intervista esclusiva del TwitMix Project

Like
335
1
Wednesday, 02 April 2014
In Evidenza

20140402-182913.jpg

Plaster è il nuovo lavoro discografico di Alice Mondia, la cantante ticinese incontrata ed intervistata dal TwitMix Project al Caffè Letterario di Roma.

Alice è una promessa della musica internazionale, è una cantante che si esprime in un bilinguismo musicale, che intende rivolgersi ad un pubblico sempre più vasto ed eclettico. Qualcuno ha avuto la fortuna di sentirla live anche durante i tour di Gatto Panceri, dei Sonhora e durante il Concerto di Natale 2012.

La sua sensibilità artistica colpisce subito chi la ascolta, in quanto riesce a far convivere atmosfere soul con quelle Pop e il Rock.

Il suo nuovo EP, Plaster, è stato registrato nei Pinewoods Studios di Londra, e vanta la celebre collaborazione con Matt Howe, tecnico del suono di Elton John e di Michael Jackson.
L’uscita dell’EP è stata anticipata in rotazione radiofonica da due singoli Run (scritto da Francesca Faggella e colonna sonora della Corsa dei Santi 2013 e della Maratona 2014 di Roma) e Spigoli d’Amore (brano intenso scritto da Nicco Verrienti).

Quando si ascolta cantare Alice Mondia si ha la sensazione di essere di fronte ad un’artista che sa fondere le tonalità e i colori sensuali di Mina con la grinta e la determinazione di Anastacia.

20140402-183527.jpg

La serata al Caffè Letterario si è aperta, appunto, con un omaggio ad Anastacia per poi proseguire con la presentazione di tutte le tracce di Plaster. Particolarmente intense sono state le performance di Run, Spigoli d’amore e Donne come me, quest’ultimo pezzo lega il nome di Alice alla lotta contro il femminicidio, infatti la giovane cantante, introducendolo, ha detto:”finché ci sarà una vittima, non sarà mai fatto abbastanza”. Doveroso ricordare che Alice è stata accompagnata sul palco da Renato Droghetti, Giorgio Santisi e Luca Longhini.

Ora non vi resta altro che leggere l’intervista che Alice ci ha rilasciato subito dopo il suo live.

Intervista ad Alice Mondia che presenta Plaster, il suo nuovo album

Ciao Alice, complimenti per la tua performance e per Plaster, che si rivela un lavoro interessante. Vuoi parlarci della sua nascita?

Plaster è il mio terzo album. Ne vado molto orgogliosa, è uscito a un anno dopo Scacco, è nato per rispondere ad un bisogno di scrivere pezzi con un’anima diversa, quasi percependo un cambiamento, un bisogno di prendere posizione per affrontare tematiche più serie e delicate. È davvero un lavoro di cui vado estremamente fiera.

Con Plaster si palesa il tuo Impegno nel sociale. Donne come me è un pezzo composto per combattere il femminicidio, vuoi raccontarci come è nato?

Era un giorno molto emozionale. Eravamo in studio, ci ha scosso il motivo e ci è venuto spontaneo dedicarlo a questa piaga sociale e da donna era doveroso il mio contributo per cercare di scuotere gli animi. Il mio autore, Martino Lo Cascio ha cercato di capire la sofferenza, la voglia di lotta delle donne vittime di violenze. Il pezzo Donne come me è stato cantato da me di getto, pensa che la traccia che c’è sull’album è la prima che è stata registrata: l’ho cantata di getto ed è stata un’unica traccia intensa.

Un altro brano intenso è Spigoli d’amore, cosa rappresenta per te?

Sono molto affezionata a questo pezzo perché è un regalo di Nicco Verrienti. Ero gioiosa, non mi sembrava vero di poter interpretare un brano di un autore che scrive anche per Annalisa e Giusy Ferreri. Cantandolo, l’ho sentito molto mio!

Cos’è rimasto in Plaster dei precedenti My way or no way e Scacco?

Di My way or no way il lato rock Linkin Park rivisitato all’italiana, di Scacco invece è la diretta evoluzione.

Cosa ti piace di Roma e dell’Italia?

A Roma verrei a vivere anche domani. Io amo questo Paese, vengo sempre molto volentieri qui, c’è un’accoglienza e un amore incredibile, il calore dell’Italia non si trova altrove.

Con quale artista vorresti collaborare?

Se qualche artista leggerà questa intervista, sappia che mi piacerebbe provare l’avventura di vedere nascere in musica l’incontro di due mondi: svizzero e italiano.

Quali artisti hanno influenzato la tua formazione?

Anastacia ricopre un ruolo fondamentale anche per la voce nasale, mi sono ritrovata nelle sue interviste quando racconta che la prendevano in giro per la sua voce a “paperetta”; la stimo anche come donna, lei è un uragano. Ho cercato inoltre di arricchirmi, grazie ai miei genitori, con l’ascolto dei grandi del passato. Per come sono fatta, amo cogliere il buono da tutti, non mi piace escludere nessuno, perché ogni artista ha qualcosa da dare.

Come mai il titolo Plaster?

È venuto spontaneo, mi sono avvicinata al mondo dell’arte, mi piaceva l’idea del gesso che veniva usato per fondere e modellare opere d’arte, mi piaceva trasportare ciò nell’ambito della musica, facendo in modo che parole suoni strumenti creassero qualcosa in più, un qualcosa che avesse un’anima.

Run è stata la colonna sonora alla corsa dei Santi e, hai detto, è un “aiuto ai confini del mondo”. Cosa intendi con questa affermazione?

È una Missione a cui mi sono molto affezionata. Ho voluto devolvere i proventi alla Missione Don Bosco per aiutare le persone del Quarto Mondo che non hanno niente. Voglio portare sulle isole di questa missione un minimo di supporto sanitario. Spero che con la musica si possa fare anche questo.

Cosa rappresenta per te il pezzo Goodbye?

È il primo passo verso l’Italia. Mi ha dato la possibilità di girare anche per le radio e i radio festival. Ho voluto rimaneggiare il brano Ormai in una versione inglese più rock e più Plaster

Parteciperai al progetto Incontro. Cosa rappresenta per te che da straniera ti relazioni con realtà internazionali?

Sono molto contenta e molto sensibile a questo progetto, sono cresciuta con ragazzi venuti via dal Kosovo, siamo tutti cittadini del mondo e sono onorata di prendere parte a questo progetto.

Vuoi lasciare un Messaggio ai nostri lettori?

Prima di tutto Grazie mille della bellissima intervista. Un saluto a tutti gli amici del TwitMix Project. Alice Mondia

Grazie a te e alla prossima intervista!

20140402-183855.jpg

Alice Mondia è anche su Spotify:

#STAYTWEETTUNED

© 2014, Antonella Corsetti. All rights reserved.

One Comment

  1. Pingback: Concerto di Natale: grande musica da record per i Ninos De Plomo, il 24 dicembre, su Rai Due | TwitMix Project

Leave a Reply

Your email address will not be published.


Menu Title